Pierre Balmain (1914- 1982).

h&m 1

h&m2

h&m3

Brutto.

Non mi interessa occuparmi del planetario battage pubblicitario o della furbissima strategia marketing messi in atto con il connubio tra H&M e Balmain. Non sono cose che valga la pena di analizzare, a meno che non siate manager e vi occupiate di numeri o siate esperti analisti del settore. Non è il mio caso.

Quello che noto a prima vista è l’involgarimento dello stile. Sarà perché è indirizzato a un consumatore low cost? Deve essere questo ciò che pensano i grandi marchi delle masse.  No, non mi stupisco affatto, democratizzazione fa solitamente rima con roba cafona. D’altra parte cosa si pretende, non siamo mica su Rai Educational?

Allora quello che faccio di solito in questi casi, è rifarmi gli occhi con un po’ di storia, ricordando da dove siamo venuti.  Si, perché prima di Balmain c’era un certo Pierre Balmain, che si dice addirittura avesse anticipato il new look di Dior. Di certo i due erano amici e prima ancora di diventare qualcuno, progettarono di aprire insieme la loro prima maison. Poi non ne fecero nulla e ognuno andò per la sua strada, che per entrambi fu ricca di successi e soddisfazioni. Ma bando alle ciance, ecco qualche esempio dello stile jolie madame del nostro, che, a proposito del suo mestiere diceva: “Siamo artigiani con un dono speciale per il bello”.

balmain 451945

balmain 461946

balmain 591959

E a proposito di stile, diceva ancora: “Rispettate i principi base della moda e sarete sempre in sintonia con le ultime tendenze, senza caderne preda”.

Una lezione che in casa Balmain devono aver dimenticato.

Magico pizzo.

ca. 1951 --- Original caption: Woman modeling black lace dress with pink sash copied from Balenciaga, with hat and gloves. --- Image by © Condé Nast Archive/Corbis

balenciaga pizzo 2

Bello.

Vale la pena in questa estate caldissima fare un salto a Calais (Francia) per gustarsi una mostra che unisce la tradizione cittadina per il pizzo con il genio di Cristobal Balenciaga, che lo usò costantemente, tenendo fede alle sue origini ispaniche.

Balenciaga – La magicien de la dentelle, questo il titolo della mostra visitabile fino al 31 agosto. Di mostre sul geniale couturier non ce ne saranno mai abbastanza, ma questa mi affascina soprattutto per la scelta del tema.

E mi accorgo solo adesso che quasi tutti gli abiti che ho acquistato da tre mesi a questa parte sono in pizzo. A dire il vero, adoro da sempre questo materiale; così sensuale e al contempo austero in nero, mentre coloratissimo può diventare addirittura visionario.

Théatre de la mode.

theatre de la mode

theatre de la mode (Molineaux)Edward Molyneux

theatre de la mode (Patou)Jean Patou

Bello.

Si chiamava Théatre de la Mode e fu esposto a Parigi il 27 marzo 1945, a guerra appena finita. Non c’erano tessuti e quel poco che c’era doveva essere utilizzato con infinita parsimonia. Quindi si utilizzarono manichini in miniatura fatti con filo di ferro e testine di bronzo. Tutte le maison che erano sopravvissute alla guerra vestirono queste bambole alte 70 cm, con le loro ultime novità.

“Si è rimesso in pista qualcosa che aveva continuato ad esistere, ma che non era più così conosciuto. Si poteva pensare che la Couture fosse qualcosa del passato che stava per scomparire o che era già scomparsa. Al contrario…” (Robert Ricci).

Quello che mi colpisce in questi tre modelli, è l’incredibile somiglianza con quel new look che Christian Dior avrebbe imposto  al mondo con grande clamore mediatico ben due anni dopo.

Quei nomi dimenticati. 2

bud kilpatrick 1 bud kilpatrick 2

Bello.

Bud Kilpatrick oggi è un nome sconosciuto ai più, eppure negli anni ’60 era ritenuto uno dei più interessanti designer californiani, tanto da ottenere nel 1963 il prestigioso Neiman Marcus award.

Simple elegance, queste le parole-chiave che definivano il suo concetto di moda. Purtroppo in rete non ho trovato molte immagini dei suoi abiti, sembra proprio che il tempo abbia steso una coltre spessa sulla sua storia. Comunque questi due esempi mi sembrano rispecchiare perfettamente lo spirito di quella definizione.

Ma il motivo che rende questo designer davvero interessante è una sua creazione sempre del 1963: l’Action Suit.

action suit

Antesignano senza dubbio di quella che oggi viene chiamata “wearable technology”, era stato creato per essere un valido supporto per le donne di quel tempo, che non prevedeva ancora smartphone & Co.  Parliamo di donne dedite perlopiù ai lavori domestici e quindi nelle tasche dell’abito erano inseriti in miniatura oggetti tipo: aspirapolvere, girarrosto (si, proprio così!)..  Lo stile futuristico poi, era accentuato dalla struttura semplicissima e dalle tasche di plastica trasparente. Il capo è attualmente esposto al MET di Brooklyn.

Una creazione che oggi può sembrarci persino naif, ma pensate a come doveva essere avveniristica allora l’idea di un abito corredato di strumenti tecnologici adatti a velocizzare azioni quotidiane e quindi semplificare la vita di chi lo indossava.

Un peccato che cadano nel dimenticatoio gesti così significativi e anticipatori.

L’avanguardia di Roma.

LuigiMaria Borbone1

LuigiMaria Borbone2

LuigiMaria Borbone.3jpg

Bello.

Le sfilate di alta moda parigina di questo inizio anno mi hanno delusa. Le ho trovate inutilmente pompose, prive di idee e ancor meno di sperimentazione. Un vero peccato mortale, considerando la quantità di denaro che mettono in gioco. Sembra stia prevalendo nella haute couture la logica che lentamente sta già uccidendo il pret-à-porter: quella del profitto ad ogni costo a discapito della creatività.

In una situazione dell’establishment così imbalsamata è possibile che voci nuove in contro-tendenza si facciano sentire, e mi pare sia quello che sta accadendo a Roma con la manifestazione AltaRoma, scampata per un soffio dall’essere cancellata e forse proprio per questo risorta più viva che mai.

E’ da un po’ di tempo che osservo il lavoro di LuigiMaria Borbone e questa sua ultima sfilata mi ha piacevolmente sorpresa: una collezione lontana dagli inutili virtuosismi, netta e concreta, ma insieme piena di riferimenti. Lo stilista manda in passerella una attualissima Giovanna d’Arco priva però di armature, disarmata e allo stesso tempo fortissima.

Così la descrive LuigiMaria: ..Una crociata non bigotta, che ama il lusso, ma non il barocco dei carrozzoni.

E’ facile intuire dietro al personaggio storico di Giovanna d’Arco le innumerevoli giovani donne che fanno parte di quella nuova tribù di nomadi di lusso, refrattarie alle convenzioni, spavalde ma anche consapevoli del rischio. Quelle come Pamela Des Barres, famosa groupie degli anni ’70 e altra Musa ispiratrice della collezione.

Mi è piaciuta la sintesi con cui lo stilista interpreta questo stile: pochi colori essenziali, forme asciugate da ogni esibizionismo, decori minimali e proprio per questo evidenti.

E’ possibile che l’avanguardia, in tempi in cui c’è abbondanza di tutto, sia la capacità di liberarsi dell’inutile. Una scelta che odora anche di piccola ribellione.

L’avanguardia è quella che lancia sassi in uno stagno, prima che tutti comincino a lanciare.