Hallo Yohji!

hallo Johji

Brutto?

La notizia è certa: uno degli stilisti zen per eccellenza, il poeta del nero, l’esteta del vuoto, ossia Yohji Yamamoto, prende a braccetto il simbolo  più frivolo, rosa, inconsistente e onnipresente del moderno merchandising. Hallo Kitty.

Yamamoto disegnerà per il mega-marchio Hallo Kitty una linea di t-shirt, felpe, giacche e accessori.

Come dovremmo accogliere la notizia?

Con indifferenza? Tanto siamo oramai abituati a questo connubio di estremi (ma non valeva l’antico detto latino in medio stat virtus?). Dopo Rei Kawakubo che disegna borse per Louis Vuitton e John Galliano che dirige la Maison Margiela, che sarà mai questa ultima novità?

Con malcelato pragmatismo? Viste le ultime collezioni di Yamamoto, non stupisce che servisse una consistente boccata di ossigeno finanziario. E chissenefrega della coerenza stilistica. E’ il business, baby.

Con una sana risata, alla faccia della coerenza e di tutte le masturbazioni metafisiche del passato? In fondo si tratta ancora e sempre dei soliti dinosauri che a fatica (e con qualche scivolone) prendono confidenza con una stagione della loro vita.

Ma è mai possibile che solo Valentino abbia avuto il coraggio di smettere?

Lo zen e l’arte del ferro da stiro.

camicie bianche

Bello.

Posseggo molte camicie bianche, che sono una mania a cui non so resistere, anche se non le indosso spesso. Periodicamente, quindi, le tiro fuori dal guardaroba e le rinfresco. Si tratta di un lavoro lungo e meticoloso, ripagato però dalla soddisfazione di vederle poi tutte impilate e perfettamente stirate. La sensazione che mi rimanda quel candore organizzato è quella di un apparente (e illusorio) potere di controllo sulla materia.  Ma si tratta anche di una fatica di tipo quasi meditativo difficile da spiegare senza il pericolo di passare per matta.

Mi sono tornati in mente alcuni ricordi proprio mentre ero occupata in questa fatica periodica.  Ricordo una cliente, alcuni anni fa, per cui avevo realizzato un complicato abito da sera in chiffon di seta. Un lavoro paziente e preciso culminato in una stiratura altrettanto complessa.  Dopo un paio di anni la stessa cliente tornò da me per chiedermi se potevo fare alcune modifiche su quell’abito poiché era dimagrita. Le chiesi come mai non mi avesse portato direttamente l’abito in modo da poterlo provare e stabilire la fattibilità. Rispose che l’aveva portato e mi porse una busta di plastica, di quelle per la spesa, con dentro, appallottolato, l’abito.

Era più che evidente che quella donna non aveva mai stirato un abito in vita sua, né conosceva i principi basilari dello stare al mondo in modo appropriato e nemmeno possedeva un briciolo di classe. Ed era anche evidente che non toccava a me istruirla. Rimasi profondamente offesa.

John Galliano raccontava in un’intervista il suo apprendistato nella moda; aveva cominciato lavorando in teatro come aiuto-costumista, lavoro che consisteva prevalentemente nello stirare e mettere in ordine i costumi. Nonostante quello che si può pensare, Galliano diceva di aver imparato tantissimo da quella gavetta e di quanto sia fondamentale la stiratura per la riuscita di un abito. Ricordo che diceva che un abito non è niente se non è ben stirato, solo un mucchietto di stoffa.  Nei reparti confezione la stiratura è l’ultimo passaggio, uno dei più delicati ed è quello che dà la forma agli abiti, per non parlare dei capi-spalla…

Nei miei laboratori di micro-modellazione tessile mi imbatto costantemente in ragazzi (spesso anche adulti fatti) che non hanno letteralmente mai preso un ferro da stiro in mano e lo si intuisce immediatamente, dato che tendono a lasciare il ferro appoggiato sulla piastra!  Certo si può vivere senza saper stirare, d’altra parte si può sopravvivere anche mangiando senza posate e bevendo direttamente dal rubinetto…

Mi accorgo che nemmeno i negozi che vendono abbigliamento tengono più molto in conto la pratica della stiratura: mi è capitato molte volte di vedere in vetrina capi spiegazzati in modo vergognoso, evidentemente tirati fuori dagli scatoloni o dalle buste e appesi così com’erano.

Per come la vedo io, presentare un capo stazzonato è sinonimo di cafonaggine, tanto quanto spruzzarsi il profumo senza essersi lavati.

A casa di Dior.

Granville 2

Granville 1

Bello?

Qualche giorno fa sono stata a Granville, cittadina natale di Christian Dior e suo buen retiro anche negli anni di grande successo.  La villa tutta rosa in cui ha trascorso l’infanzia il couturier si trova nella parte alta della cittadina, circondata da un giardino pieno di fiori un po’ frou-frou, con un’invidiabile vista sul mare.

granville 15

granville 16

Persino il salon de the esterno risente non poco di tutto questo rosa confetto.

granville 13

Che dire poi della testa di Dior che guarda il cielo con un’espressione non proprio felice?

granville 17

Ma la parte della visita che mi interessava di più era naturalmente la mostra interna, oltre all’atmosfera della villa, che deve aver influenzato certamente il percorso e le scelte di Dior.

La visita si apre con l’immancabile tailleur Bar, simbolo e vessillo del New Look:

granville 3

Degli arredi originali naturalmente non c’è più traccia, ma è facile immaginare quello stile Luigi XVI tanto caro a Dior, anche solo dalle decorazioni delle boiserie, dei caminetti e della scala interna.

granville 10

granville 8

granville 4

Gli abiti in mostra non sono molti, d’altra parte l’esposizione riguarda più le immagini legate alla griffe che le collezioni vere e proprie.

granville 7

E anche qui il rosa la fa da padrone:

granville 11

granville 12

Sarebbe piaciuto a Dior questo piccolo museo un po’ cocotte? Io credo di si: le donne a cui si rivolgeva amavano le atmosfere rilassanti di una villa immersa nel verde, con quel tocco di glamour della spiaggia a poca distanza. Non è difficile immaginare il giovane Dior immerso nelle letture in una di queste stanze, o accogliere gli amici sotto gli alberi del giardino.

granville 9

granville 6

Spiccano in modo inusuale questi due abiti rossi, a mio avviso un poco in contro-tendenza.

granville 5

E infine, per fortuna, anche un omaggio al passaggio di Galliano negli atelier.

Ho trascorso un piacevole pomeriggio all’insegna della raffinatezza in un luogo dove tutto è predisposto per non urtare la vista. Poi uscendo ho notato la voliera nel giardino, in cui le colombe prigioniere tubavano, ma il suono somigliava più a un lamento. Mi hanno fatto pensare alle donne di Dior, imprigionate nei corsetti e nei metri e metri di stoffa e crinoline.. e improvvisamente tutto mi è sembrato meno piacevole.