Il buio oltre gli spalti.

DSquareD2 2013-®SBonatelli-2

DSquareD2 2013-®SBonatelli-14

DSquareD2 2013-®SBonatelli-28

DSquareD2 2013-®SBonatelli-50

DSquareD2 2013-®SBonatelli-203

DSquareD2 2013-®SBonatelli-239

DSquareD2 2013-®SBonatelli-249

Brutto.

Queste splendide foto di Stefania Bonatelli sono eloquenti.  Avrei anche potuto intitolare questo post il lato oscuro della moda, ma il concetto di buio mi pare più appropriato. Il buio che isola, mettendo in scena al suo opposto un ego che si alimenta spesso di se stesso.  Nessuno guarda più alcuno; ognuno guarda solo se stesso. La sfilata, i vestiti sono solo il pretesto per mostrarsi. Ne nasce una solitudine infeconda, una incapacità di connettersi davvero con il mondo.

Poi, sotto la luce accecante del giorno il trucco e i lustrini diventano poca cosa.

Come succede nel circo vero, finita la magia dello spettacolo, scopri che le belve sono spelacchiate e il domatore ha le toppe sui vestiti lisi.